fbpx
LEaMON.it

Recent News

photo-of-person-holding-pen-1028726

Tasse 2020: le più assurde in vigore

Tra tutte le migliaia di imposte al limite dell’assurdo, andiamo a vedere quelle che quotidianamente fanno parte dell’operato dei lavoratori e che spesso sono ingiuste perché non vi è a volte un corrispettivo sotto il punto di vista dell’efficienza dei servizi.

Tassa sull’ombra: La si richiede ai proprietari dei locali nel caso in cui la sporgenza della tenda occupi il suolo pubblico.

Tassa sulle suppliche: Ad essa sono soggette istanze, petizioni, ricorsi, memorie dirette poi agli uffici dello Stato per la richiesta dell’emanazione di un provvedimento.

Tassa sugli spiriti:  Essa si applica sugli spiriti ottenuti da materie amidacee e zuccherine e quelli ottenuti dalla distillazione del vino, delle vinacce, dei cascami della vinificazione e della frutta.

Tassa sull’aria: Concerne il gas di petrolio liquefatto anche miscelato ad aria e sul metano miscelato ad aria. Tecnicamente, la miscela vuole agevolare la combustione. A livello economico si tassa proprio l’utilizzo dell’aria.

Tassa sui certificati: Serve per ottenere copie ed estratti delle risultanze e degli elaborati ottenuti dalle banche dati informatizzate degli uffici dell’Agenzia del territorio.

Ve ne sono ancora altre. Basti pensare ad esempio che, oltre le tasse universitarie, esistono anche quelle sul pubblico insegnamento e l’abilitazione all’insegnamento!

Fonte: BusinessOnLine

Meno male che le spese pubblicitarie sono, come spiegato in questo articolo, detraibili: vuoi scoprire come?  Contattaci

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.