fbpx
LEaMON.it

Recent News

ben-collins-wWwEM-fx618-unsplash

Come promuovere il brand in zona rossa?

Da oggi lunedì 15 marzo fino a data da destinarsi metà penisola è in zona rossa: scopri come, nonostante le restrizioni, puoi promuovere il tuo brand.

Dodici mesi fa iniziava il lockdown: il fatto di essere costretti in casa rappresentava, oltre a una strategia di protezione collettiva, un potenziale stimolo per trovare nuovi canali di comunicazione e per iniziare un processo di digitalizzazione che moltissime aziende avevano sacrificato in precedenza, divenendo di fatto necessario per promuovere il proprio brand in un mercato che si stava spostando dai canali tradizionali a quelli virtuali.

Oggi, 365 giorni dopo, inizia un nuovo capitolo di questa sofferta saga: approfittiamone per cogliere un’ulteriore occasione di automiglioramento e, appurato che non possiamo fare altro, affrontiamola con il sorriso e la pazienza che ci ha contraddistinto in questi lunghi mesi di pandemia.

Come promuovere il brand in zona rossa?

Come già detto in precedenza, l’anno scorso il lockdown ha tirato fuori la parte più digitale (e giocosa) di noi: il bisogno di condivisione e convivialità ha permesso una distribuzione transgenerazionale degli strumenti tecnologici costringendo grandi e piccini ad aggiornarsi per potersi tenere in contatto attraverso le videochiamate e regalando meravigliose dirette che hanno contribuito a rendere meno gravosa una situazione altrimenti insostenibile. A differenza della precedente esperienza, stavolta sappiamo già cosa ci aspetta quindi, in qualche modo, disponiamo già degli strumenti necessari a superare quest’ultimo (speriamo) scoglio prima della tanto agognata campagna vaccinale.

Caro lettore, qualunque sia il tuo lavoro devi ricordarti che promuovere il tuo brand è essenziale, sia che tu sia chiuso a causa delle restrizioni o sia completamente operativo perché inserito nelle categorie abilitate a esercitare: ti servono solo uno smartphone e un po’ di sana faccia tosta! Siamo coscienti del fatto che psicologicamente è un momento impegnativo ma è necessaria una risposta immediata ed è indispensabile affrontare le avversità con la grinta e la determinazione.

Ad esempio:

  • se hai un’attività ristorativa puoi cucinare in diretta e suggerire alle persone come realizzare meravigliosi manicaretti con quello che hanno a disposizione, quando potremo nuovamente mangiare fuori il nome del tuo ristorante sarà in cima ai loro pensieri;
  • se ti occupi di bellezza e cura della persona puoi realizzare dei tutorial in cui insegnare ai tuoi clienti come applicare un determinato prodotto o prendersi cura della loro bellezza, promuovendo i prodotti e i servizi che offri nel tuo centro;
  • se sei un personal trainer puoi fare esercizi e aiutare le persone a mantenere uno stile di vita salutare, puoi dispensare consigli in diretta tramite la chat o fornire la tua consulenza sul tuo sito web o sulla pagina Facebook;
  • se ti occupi di educazione infantile puoi realizzare dei tutorial in cui consigli ai genitori alcuni lavoretti e dispensi consigli di pedagogia su come aiutare i bambini a trascorrere serenamente questa lontananza forzata dai loro coetanei;
  • se ti occupi di servizi alle aziende puoi scrivere un articolo come questo in cui fornisci gratuitamente la tua consulenza, invitarli a contattarti tramite il form in homepage o via WhatsApp per sottoporti i loro dubbi o fornire soluzioni tecniche e assistenza da remoto.

Hai bisogno di altre spiegazioni in merito? Non esitare a contattarci usando il form sottostante: unendo le forze tutto diventa più semplice!

     

    Leave a Reply

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.